ASSISTENTI SOCIALI PER LA PROTEZIONE CIVILE:

 UN’ESPERIENZA SUL CAMPO

Nuovo appuntamento di informazione, fomrazine e confronto insiema all’Associazione Assistenti Sociali Per la Protezione Civile (ASPROC).

Vi aspettiano a LUCCA il 5 DICEMBRE 2019

Evento gratuito e accreditato dal CROAS Toscana con

6 CF di cui 2 DEONTOLOGICI. 

L’evento ha l’obiettivo di estendere e valorizzare la formazione degli assistenti sociali rispetto ad un tema “nuovo” e impattante come quello del fronteggiamento in caso di emergenze collettive e calamità naturali.

Rifletteremo sugli obblighi deontologici (art 40 C.D.) e normativi, sul ruolo, sugli ambiti e sulle modalità operative del Servizio Sociale in situazione di calamità e maxi emergenza.

Iscrizioni attreverso questo link.

Link: http://www.oaservices.eu/convegni/iscrizioniWelcome.php

Locandina qui: http://www.fondazione-ast.it/wp-content/uploads/2019/11/locandina-5.12.19.jpg

Rullo di tamburi……ecco a voi i finalisti! 

I finalisti sono (in ordine alfabetico):
Asti Maria Teresa
Landini Rachele
Lo Giudice Massimo
Parri Silvia
Pieracci Ornella

Novità sul concorso di scrittura!

PARTITO IL CONTO ALLA ROVESCIA !!

Manca poco meno di un mese alla premiazione del 2° Concorso di scrittura per Assistenti Sociali organizzato dalla FAST: l’appuntamento è per il 21 novembre prossimo all’Auditorium dell’Ospedale S. Donato di Arezzo.
Ad oggi sono oltre 120 le iscrizioni registrate sul sito dell’OAS Toscana: si preannuncia una giornata partecipata, densa e interessante.
Vogliamo oggi dare la giusta evidenza ai 23 colleghi che ci hanno regalato una parte della loro sensibilità, attraverso il loro racconto.
Purtroppo solo 5 saranno premiati, ma tutti e 23 meritano il nostro sincero ringraziamento e le più calorose congratulazioni: Alessandra Lombardo, Annarosa Fanucchi, Elisabetta Benucci, Francesca Montagnani, Giorgia Rosselli, Giuditta Pedana, Giulia Giannoni, Irene Pignotti, Lucia Francini, Margherita Salines, Maria Magherini, Maria Teresa Asti, Marinella Cataldi, Marisa Volpi, Massimo Lo Giudice, Maurizio Biagi, Ornella Pieracci, Patrizia Pellegrini, Rachele Landini, Roberta Beccari, Silvia Dragoni, Silvia Parri e Simonetta Micheli.

Il 2° Concorso di scrittura per Assistenti Sociali, organizzato dalla FAST, è entrato nella fase più calda: le valutazioni dei giurati.
Sono arrivati ben 23 racconti, quasi il doppio rispetto alla prima edizione, un risultato straordinario e motivo di orgoglio per tutti noi, che abbiamo sempre creduto in questo progetto ambizioso e innovativo.
I tre giurati, Gianfranco Marocchi, Serena Milaneschi e Flavia Piccinni, sono già al lavoro per leggere con attenzione, valutare e classificare gli elaborati.
L’appuntamento è fissato per il 21 novembre prossimo, ad Arezzo, dove al mattino verrà approfondito un tema di estrema attualità (A chi la racconti? Strategie di sopravvivenza per Assistenti Sociali nell’epoca delle fake news), e al pomeriggio celebreremo la premiazione del Concorso.

L’evento è stato accreditato con 7 crediti formativi (ID 34832): non dimenticate di iscrivervi sul portale OAS Toscana. 

Link: http://www.oaservices.eu/convegni/iscrizioniWelcome.php

Controllate, infine, i nostri canali di informazione: come in ogni Concorso che vuole essere tale, a breve verrà pubblicata la cinquina dei finalisti.


A presto!


Il Comitato Scientifico

EVENTI E NEWS
XI FORUM DELLA NON AUTOSUFFICIENZA E DELL’AUTONOMIA POSSIBILE 27 e 28 novembre 2019, Bologna: la XI edizione di uno degli eventi da non perdere per tutti i professionisti del lavoro sociale e socio-sanitario.

TANTI BUONI MOTIVI PER ESSERCI: > NUOVA LOCATION COMODA E SPAZIOSA > UN PROGRAMMA ARTICOLATO - 2 Sessioni plenarie - Oltre 40 workshop - Conferenze e seminari brevi > CREDITI FORMATIVI - Crediti ECM per tutte le professioni sanitarie - Crediti formativi per assistenti...

leggi tutto
LA COMUNITÀ PROFESSIONALE A CONFRONTO
L’esperienza in tema di Bullismo. A cura del dott. Luigi Leoni

Recentemente è capitato nel servizio dove lavoravo un’inchiesta sociofamiliare a “grappolo” ovvero l’apertura di più richieste di indagine familiare su atti di bullismo, compiuti da ragazzi nei confronti di un coetaneo.
Questa evento (peraltro non tanto isolato come può sembrare: poco prima e poco dopo si sono verificate richieste analoghe da parte della Procura) ha fatto nascere il bisogno di creare un intervento che fosse funzionale a quanto emerso.

leggi tutto